Acustica Architettonica

Requisiti Acustici Passivi

Interessa tutte le nuove costruzione, ed è tesa ha verificare il livello di isolamento acustico degli ambienti. Il decreto fissava degli indici da rispettare da parte di chi costruisce un nuovo edificio o di chi effettua una ristrutturazione globale.  Gli aspetti che si tengono in considerazione soni l’isolamento tra immobili limitrofi, l’isolamento in facciata, isolamento per calpestio e  l’isolamento degli impianti tecnologici. Dalla verifica previsionale in rapporto alla tipologia costruttiva ed alla geometria degli ambienti si determinano i materiali necessari per rientrare nei limiti di legge.

Progetto Previsionale Requisiti Acustici Passivi in fase di progettazione per attività da realizzare si verificano tutte le componenti del edificio e si progettano gli interventi necessari per rientrare nei limiti di legge.

Misure in sito Requisiti Acustici passivi ad opere realizzati si collaudano i requisiti acustici dei singoli immobili mediante la verifica strumentale del rispetto dei limiti di normativa .


Certificazione Locali e Impianti Elettromusicali

  • Rif. Norma DPCM n° 215 16/04/99 

Interessa tutti i locali dove si utilizzano impianti elettroacustici quali discoteche, locali da ballo, concerti, pubblici esercizi e ristoranti con intrattenimento musicale, circoli privati con impianti di amplificazione elettroacustica, il decreto ribattezzato decreto discoteche nasce per tutelare i clienti che frequentano il locale. Le misure effettuate in esercizio, in rapporto alla geometria dei luoghi ed all’impianto (diffusori ed amplificatore) installato, accertano se si verifica o meno il superamento della soglia dose ammessa.

Locali Entro soglia in fase di progettazione per attività da realizzare e quindi viene eftà ambientale.

Locale sopra soglia riguarda attività industriali, commerciali, e locali pubblici già ultimati.


Autorizzazioni Sale di Pubblico Spettacolo 

Per il rilascio delle autorizzazioni da parte della commissione provinciale di controllo, per la parte inerente l’acustica occorrono tre diverse e distinte verifiche:

– Valutazione preventivo Impatto Acustico per inizio attività da inserire nella SCIA – Rif. Norma art.8 LN n.477 del 26/10/1995
– Verifica immissioni acustiche immobili adiacenti – Rif. Norma Art.844 CC
– Verifica dell’impianto elettroacustico di diffusione sonora – Rif. Norma DPCM n°215 16/04/99


Correzione Acustica sale di ascolto

Rif. Norma UNI EN ISO 3382‐1:2009 UNI EN ISO 3382‐2:2009

Le norme UNI di riferimento definiscno i parametri  da utilizzare per una corretta misurazione delle proprietà acustiche degli edifici. Le norme indicano il rilevamento, la durata e l’incidenza del riverbero sia nelle sale da spettacolo (UNI EN ISO 3382-2:2009) che negli ambienti destinati ad altri usi (UNI EN ISO 3382-1:2009) ed inoltre dettano il procedimento di misurazione, la strumentazione necessaria per la rivelazione, numero e posizioni dei punti di misurazione e come valutare i dati raccolti.
Modello di calcolo per simulare gli effetti degli interventi sulla acustica delle sale con un raffronto tra i valori ottenibili e quelli ottimali, secondo le specifiche norme UNI di riferimento operano sui parametri seguenti:

Lr Livello residuo
T60 Tempo di riverberazione
C50 Indice di Chiarezza
D50 Indice di Definizione
G Strenght (solo per la sala dotata di impianto di diffusione acustica)

Verifica e individuazioni per la correzione dello Strenght per migliore le prestazioni di ascolto

Si osservi che il riverbero è un fenomeno acustico dovuto alla rifrazione delle onde sonore dirette verso un ostacolo posto all’interno del campo sonoro. Gli elementi architettonici, gli arredi e le persone presenti, veicolano la rifrazione, provocando e modificando la qualità acustica di una sala.

Acustica Attività Produttive

Il rumore prodotto da attività di carattere industriale è uno di quei parametri che condiziona maggiormente l’ambiente in cui viviamo.
E’necessario che si tenga sotto controllo il livello di rumore, sia da parte di chi costruisce i macchine e gli impianti, sia da parte di chi li usa.
Una misurazione del rumore, affidabile e accurata, è essenziale per caratterizzare le sorgenti di rumore e potervi porre i dovuti rimedi, ma anche per un riscontro per la rispondenza ai requisiti progettuali ed a quelli di legge.

Misure Intensimetriche

  • Rif. Norma DL n° 262 04/09/02 

L’intensimetria trova applicazione in diversi campi:

  • Ambito Industriale
    • determinazione della potenza sonora di una macchina o di una parte (componente) della stessa.
    • individuazione di una sorgente dominante e causa dell’emissione acustica molesta e studio degli interventi correttive
  • Ambito Civile
    •  Determinazione dell’indice del potere fono isolante Rw e del potere fono isolante R di componenti facenti parte di un edifici (porte, finestre, ecc.) 
    • Analisi degli elementi costruttivi di un involucro edilizio e redazione delle mappe acustiche  (localizzazione di fughe sonore ed analisi prestazionale dei singoli componenti).

Il metodo dell’intensità acustica è la soluzione ottimale per la misura della potenza sonora dei macchinari nel rispetto dei requisiti previsti dalla direttiva sulla emissione acustica di macchine destinate a funzionare in spazi aperti. Ovvero in presenza di impianti complessi in cui si pone il problema di dovere valutare la rumorosità di un singolo componente, in presenza di altri componenti che non possono comunque essere disattivati, e che quindi disturbano o impediscono la misura stessa.